L’Olanda oltre Amsterdam

Finalmente riesco a buttare giù qualche riga per raccontare la mia esperienza estiva in Olanda che va oltre al classico weekend ad Amsterdam.

Credo di scrivere questo post più per fermare nella mia memoria l’atmosfera di un bellissimo viaggio, pur non avendo un blog!

Parto dall’inizio, viaggio con KLM, ottima compagnia che vola da Bologna per Amsterdam con un piacevole viaggio di neanche due ore. Quando arrivo all’aeroporto mi sento già a casa, nonostante sia soltanto la mia seconda volta. Eh si, è strano quanto questo paese mi accolga in modo “caloroso” nonostante io abbia sempre preferito i paesi caldi a quelli nordici. Qua c’è qualcosa di più, che si traduce poi nel mio classico stato d’animo malinconico al momento del rientro.

Mi dirigo con il primo treno verso la cittadina di Delft dove mi aspetta mio fratello che vive li da qualche tempo. I treni olandesi sono molto diversi dai nostri: puliti, in perfetto orario e dotati di Wifi, sia nelle banchine di attesa, sia all’interno. L’unico problema, forse per via della lingua, è la poca chiarezza sulle direzioni dei treni, per cui per non sbagliare ho scaricato l’applicazione Reisplanner.
Arrivata a Delft è già buio, è giovedì sera e sono tantissimi gli olandesi che si riversano nei localini all’aperto per bere una birra nelle piazzette della città, vista la gradevole temperatura. Quindi birra, nachos e bitterballen, le polpettine tipiche ripiene di non so che cosa ma fritte e quindi buone :D!
fullsizerender
Day 1 – Amsterdam

La mattina del primo giorno inizia con la mia colazione preferita da KEK dove prendo ovviamente il matcha latte con il loro buonissimo banana bread. Kek è un locale dall’arredamento tipicamente nordico che propone smoothies, food e drinks un po’ green e molto “alla moda” in uno stile tra l’indiano e lo shabby. In vendita hanno anche oggettistica, qualche accessorio e i famosi orologi Cluse.

Da Delft mi dirigo ad Amsterdam; sono sola e come prima cosa in programma ho la visita al Van Gogh Museum. Decido di girare sempre “a piedi” perchè splende stranamente il sole ed è così più facile scattare foto street in ogni angolo della città! Dalla stazione centrale in direzione Zona Musei, l’itinerario a piedi è molto semplice e ci vuole circa mezz’ora.
Schermata 2016-09-15 alle 17.05.08.png
Lungo il percorso ovviamente mi fermo ad ammirare i magnifici canali per scattare foto ad ogni angolo della città.
Il Museo di Van Gog si trova nei pressi della famosissima scritta I AM AMSTERDAM, che non posso fare a meno di fotografare nonostante non passi un secondo senza che qualcuno salti sulle lettere e scatti foto.
amsterdam_aprile16_0030
Per la visita al Museo è consigliabile prenotare sul sito https://www.vangoghmuseum.nl/, con 17 euro e l’e-ticket si salta qualsiasi fila!

La collezione si estende in 4 piani e c’è anche una mostra dedicata al suo ultimo periodo di “illness”. Ne vale la pena!

Dopo la visita il mio tour a piedi continua, direzione Nine Streets grazie al consiglio dell’amica Enrica di Chiarapassion. Questa è una zona molto carina con tanti negozi e localini diversi dal solito, pochi brand internazionali e molti negozietti d’avanguardia. Ovviamente vista l’ora di pranzo ho scelto di fermarmi da Pancake Amsterdam per assaggiare i famosissimi pancake che fanno con tanti e diversi ingredienti tra cui scegliere, sia dolci che salati (se volete c’è un secondo Pancake Amsterdam vicino alla stazione).
Mi colpisce anche Pluk, un bar stiloso dove all’interno c’è una vasta esposizione di articoli per la cucina bellissimi, tutto legno e marmo. Impossibile resistere!

Il pomeriggio prosegue sempre a piedi per le vie della città fino al calar del sole quando sui canali c’è una bellissima luce dorata.

Amsterdam_aprile16_0100-Modifica.jpg

Io e mio fratello optiamo per una cena etnica e decidiamo per il libanese Beyrouth, a sud della città, viste le ottime recensioni su Tripadvisor. Consigliatissimo il mix di antipasti caldi e freddi: 18 piccole portate per due per assaggiare di tutto, dai legumi all’hummus, le polpette e cassoncini, la salsa di melanzane, tante verdure e sapori molto buoni!

Un’altra passeggiata per le vie della città e ovviamente un passaggio nelle zone a luci rosse per tornare verso la stazione.
Day 2- i Mulini
E’ venerdì e abbiamo in programma la visita ai mulini di Kinderdijk, una delle mete turistiche più conosciute del Paese. Ovviamente potevamo arrivarci con i mezzi pubblici? Certo che no, noi preferiamo la bicicletta, con un bellissimo percorso di 30 km, che da Delft, attraversa Rotterdam e arriva in questo piccolo paesino molto tipico.
schermata-2016-10-05-alle-21-35-44

Noleggiare la bici in Olanda e’ una cosa semplicissima, basta una piccola cauzione e un documento ed è fatta! La cosa che mi ha colpito e’ la pista ciclabile che attraversa e collega diverse e intere città. Per 30 km non abbiamo abbandonato mai la pista riservata alle biciclette a parte il “Caronte” che si prende per attraversare il fiume e arrivare al paesino di Kinderdijk: mi chiedo se mai nelle nostre città succederà una cosa simile!

Devo ammettere che questa gita in bicicletta mi ha fatto scoprire la vera Olanda, quella fatta di case monofamiliari con giardino all’entrata e vista canale sul retro, di immensi pascoli verdi con mucche e cavalli e di interminabili spazi con silenzio pace e persone deliziose che ti salutano e sorridono sempre!
Kinderdijk non propone niente altro  se non i fantastici Windmills e due locali tipici dove rifocillarsi dalla biciclettata!
I mulini mi danno un senso di pace e tranquillità indescrivibile..e mi chiedo quanto sarebbe bello poterci soggiornare almeno una notte.
Alcuni sono adibiti ai musei ma noi preferiamo continuare la nostra giornata on the road.

Da Kinderdijk torniamo verso Rotterdam per un’oretta di shopping in questa grande metropoli che sembra essere appartenente ad un altro paese: a me ricorda molto più l’America piuttosto che l’Olanda. Grattacieli enormi, architettura notevole ed un immenso porto che vanta il primato Europeo. Immancabile la visita al Markhtal da cui si arriva poi al centro cittadino popolato da grandi Store e grandi marche. (fermata Rotterdam Blaack)

Day 3 – Delft, Gouda, Utrecht e Rotterdam
Terzo e ultimo giorno in giro per l’Olanda!
E’ sabato mattina e mio fratello mi informa della presenza di un mercatino dell’antiquariato al centro di Delft….Shopping!!! Ci sarebbero da comprare un sacco di props fotografici, piattini e vari accessori, ma purtroppo devo limitare le mie spese a causa dello spazio in valigia. Non posso non prendere però un paio di piattini con le tipiche pitture di Delft blu su ceramica bianca.
Da qui si va in treno a Gouda.
La cittadina di Gouda è famosa per il suo formaggio, ed è a poca distanza da Delft; è abbastanza piccola e per visitarla bastano un paio d’ore. Il centro è vicinissimo alla stazione e ti accoglie con mock up di forme di formaggio appese come fossero lucine natalizie!!!
Il sabato mattina nella piazza grande c’è un mercato anche alimentare dove trovare a basso prezzo il famoso formaggio in tutte le varianti gustose!
Dopo Giuda ci spostiamo sempre in treno verso Utrecht che invece mi colpisce molto per la sua vivacità: tantissimi localini e ristoranti si trovano proprio lungo le banchine dei canali. E per questo abbiamo notato tanti gruppi di giovani che festeggiano addii al nubilato e celibato. Meriterà una visita più accurata durante il prossimo weekend olandese che ho in programma a fine ottobre!
utrecht_aprile16_0017
Infine nuovamente a Rotterdam per la cena e la scoperta della via più giovane e movimentata della città dove si trovano tantissimi pub e ristoranti di ogni genere, la Witte de Withstraat! Fermata consigliata Rotterdam Central Station che è a circa 1,5 km a piedi.
rotterdam_aprile16_0046
 La mia vacanza è finita, ma tornerò presto prestissimo, perché la cosa più bella che trovo in questo Paese è un ragazzone di quasi 2 metri che mi manca sempre tanto!

Il Food da non perdere in un weekend Olandese
Delft
Ristorante Thailandese Malee – menu fisso

Kek – colazione, brunch e pranzo

Amsterdam
Pancake Amsterdam – colazione e pranzo

Beyruth – ristorante libanese

Rotterdam
Hamburg – il miglior hamburger della città
Jamie’s Italian – dell’omonimo e famosissimo Chef inglese, si trova al Markhtal
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...